News9 Luglio 2024 11:35

Sogin, Colarusso: attivata piattaforma per whisterblowing e protocollo vigilanza con Anac

Roma - “Sogin ha attivato una piattaforma informatica attivata nel 2018 per il Whistleblowing. La novità introdotta quest’anno è il protocollo di vigilanza firmato con l’Anac. Abbiamo approfondito la questione con l’autorità, che ha approvato un regolamento sull’anticorruzione e trasparenza e questo è stato adottato nell’ambito dell’autonomia prevista. L’art. 3 del regolamento indica inoltre che è possibile una vigilanza preventiva. Da novembre 2023 abbiamo attivato questa possibilità: le aziende possono chiedere all’Anac l’attivazione del protocollo di vigilanza, dichiarando le materie. In particolare il nostro protocollo, su richiesta di Anac stessa, prevede un’attività di vigilanza collaborativa che riguarda il piano triennale di corruzione e trasparenza, il supporto monitoraggio sulle prevenzioni adottate e il supporto monitoraggio sull’attività svolta dal RPCT nelle materie di competenza dell’Autorità. Il protocollo ha durata annuale e prevede tavoli tecnici su alcuni argomenti, in particolare il sistema di segnalazione di Whistleblowing, inconferibilità e incompatibilità di incarichi disciplinate dal D.Lgs. n.39/2013, conflitto di interessi e obblighi di trasparenza previsti dalla nuova normativa in materia di contratti pubblici”.

Così Alberto Colarusso, responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza di SOGIN S.p.A., in occasione del webinar “Whistleblowing Revolution: adempimenti e best practices a un anno dal Decreto 24-2023”, organizzato da Webinar DigitalPA in collaborazione con Studio Previti.

“Sul Whistleblowing, in Sogin è attivata dal 2018 una piattaforma informatica aggiornata costantemente. Il segnalante ha la possibilità di accedere e può seguire la procedura scegliendo tutte le possibilità per la segnalazione.

La formazione è sempre stata uno degli obiettivi strategici dei Piani di Prevenzione della Corruzione e Trasparenza di Sogin e pertanto è stata erogata costantemente e in linea con gli aggiornamenti normativi. Tra gli ultimi progetti formativi, si segnala un focus sull’attuazione in Sogin delle misure di prevenzione della corruzione e di trasparenza e sulle più recenti novità normative, mirato sui differenti gradi e tipologie di esposizione a rischio del personale. Tale programma formativo ha riguardato anche l’istituto del whistleblowing in Italia, con particolare attenzione al Decreto Legislativo 10 marzo 2023, n. 24. È in programmazione un ulteriore aggiornamento formativo destinato a tutta la popolazione aziendale al fine di illustrare le nuove best practice interne nelle differenti tematiche di prevenzione della corruzione, trasparenza, whistleblowing e responsabilità amministrativa”.

AGEEI ha partecipato al webinar e, attraverso la piattaforma testuale, ha tentato di porre la seguente domanda a Colarusso: “L’ANAC ha avviato un procedimento sanzionatorio nei confronti della persona dell’amministratore delegato di Sogin, Gian Luca Artizzu, cui l’Autorità contesta ipotesi di ritorsioni verso un whistleblower che è stato estromesso dall’azienda dopo la notifica all’AD della contestazione dell’Autorità. Come è possibile che l’AD Artizzu sia arrivato a tanto?”. Il responsabile della piattaforma non ha concesso la possibilità all'agenzia di porre domande sottolineando che “questo è un webinar formativo, non è il contesto adeguato per rivolgere questo tipo di domande”.

Sogin, Anac avvia procedimento sanzionatorio contro A.D. Artizzu: contestate ritorsioni verso un whistleblower

Sogin, whistleblower espulso? nel 2023 messo sotto protezione da Frattasi