Energia25 Maggio 2022 11:06

Perché Bruxelles studia un gasdotto tra Spagna e Italia

Il tubo, di oltre 700 chilometri, aspira a rifornire di carburante rigassificato e in futuro l’idrogeno. Possibile una rivincita spagnola sul Midcat che potrebbe trasportare idrogeno verde

“Qualcosa si sta muovendo a Bruxelles. Nel pieno della crisi energetica e consapevole che, in queste circostanze, la Spagna ha un gioiello —sotto forma di sei rigassificatori attivi, il numero più alto di qualsiasi Paese del continente —, ma poco interconnesso con il resto dell'Ue, la Commissione Europea per la prima volta parla chiaro della possibilità di scommettere su un gasdotto che collegherà la Penisola Iberica con l'Italia passando sotto il Mar Mediterraneo. Il tubo – lungo 700 chilometri - richiederebbe un investimento compreso tra 2.500 milioni e 3.000 milioni di euro e da uno a due anni per il suo completamento e compare in una delle mappe raccolte da RepowerEU, la roadmap dell'Esecutivo per affrontare la difficile disconnessione dal petrolio e dal gas russo”. È quanto si legge su El Pais.

L'11 maggio Enagás e Snam hanno firmato un accordo per valutare la fattibilità del progetto. Arturo Gonzalo, amministratore delegato di Enagás aveva spiegato sempre al Pais che la compagnia spagnola del gas stava lavorando "per rafforzare e completare le interconnessioni per contribuire alla sicurezza dell'approvvigionamento energetico dell'Europa". Allo stesso modo, sottolineava trattarsi di “interconnessioni progettate fin dall'inizio per il trasporto di idrogeno, sebbene nei primi anni sarebbero state utilizzate per il trasporto di gas naturale".

Il premier Mario Draghi, ha assicurato che il progetto "è qualcosa che può funzionare per portare risorse dal sud del Mediterraneo al nord Europa", ma dopo un colloquio con Sánchez qualche settimana fa, ha sottolineato che “è solo un'ipotesi e va studiata”.

Da parte sua, il governo spagnolo insiste invece sul fatto che la costruzione dell’infrastruttura debba essere finanziata dai bilanci comunitari o dall'Italia e dai paesi del centro e nord dell'Unione.

Ma la Spagna vorrebbe portare avanti anche un altro progetto il Midcat, il collegamento con la Francia che tuttavia ha sempre declinato l’offerta. Bruxelles, tuttavia, sta pensando di ripristinare il progetto che prevede un'interconnessione tra Hostalric (Girona) e Barbaira (Francia), per il trasporto del gas tra i due Paesi attraverso il confine con i Pirenei, già proposta nei primi anni 2000 con il supporto della Commissione Europea.