Logistica26 Giugno 2024 13:45

Telco per l’Italia, dall’efficientamento delle reti alla digital transformation fino al 5G. GLI INTERVENTI: Butti, Di Raimondo (Asstel), Piergiovanni (Anie Sit), Labriola (Tim), Gola (Open Fiber)

Roma - Tornare a generare revenues, efficientare le reti per abbattere costi e consumi energetici, spingere sui servizi innovativi, in particolare sul fronte B2B, per accelerare la roadmap nazionale della digital transformation e aumentare le attivazioni ultrabroadband in fibra e 5G. Sono queste le principali priorità dell’agenda Tlc 2024 a cui si aggiunge la sfida del consolidamento. E sono queste le priorità su cui ha acceso i riflettori l’edizione di Telco per l’Italia svoltasi oggi a Roma.

Di seguito gli interventi: 

Telco, Butti: Digital Network Act, deludenti soluzioni del commissario Breton. Su “Italia a un Giga” velocizzare tempi

Telco, Di Raimondo (Asstel): essere protagonisti in Ue per guidare le trasformazioni. Puntare su competenze

Telco, Piergiovanni (Anie Sit): piano infrastrutturazione non a regime. Bene risorse, ora arrivino a imprese per ripartire

Telco, Labriola (Tim): 70% ricavi nuova Tim da Brasile ed enterprise. Sistema norme non al passo dell’innovazione

Telco, Gola (Open Fiber): switch off del rame fondamentale. Su edge data center vogliamo creare rete nazionale