Logistica4 Giugno 2024 12:30

Porti, Fit-Cisl: “Il rinnovo del contratto non può più attendere, 7 giorni di mobilitazione dal 17 al 23 giugno”

“Una settimana di mobilitazione negli scali italiani, dal 17 al 23 giugno, se non arriveranno risposte concrete e tangibili che portino a una svolta positiva nella trattativa per il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro che ha subito l’ennesimo stop”. A dichiararlo in una nota la Fit-Cisl che prosegue: “Le controparti datoriali, nel corso del recente incontro del 30 maggio scorso, hanno continuato a sostenere proposte irricevibili, tra cui la richiesta di portare il periodo di durata contrattuale da 36 a 42 mesi, in palese violazione dell’accordo interconfederale vigente, e incrementi economici inadeguati e insufficienti ma, soprattutto, non in linea con le esigenze italiane, riconosciute ormai da tutti, di allineare le dinamiche salariali a quelle dei Paesi Ue”.
“Una situazione insostenibile. Dopo più di 8 mesi di negoziato – aggiunge la Federazione dei trasporti della Cisl – ci ritroviamo su posizioni evidentemente distanti rispetto alle nostre istanze, lontani dall’adeguamento delle retribuzioni alle attuali condizioni di vita di lavoratrici e lavoratori e alle loro necessità”.
Sottolinea ancora la nota: “Nonostante il momento favorevole e l’aumento dei traffici, la qualità del lavoro portuale non è cresciuta di pari passo. Di conseguenza, il rinnovo del Ccnl deve andare nella direzione di valorizzare professionalità altamente qualificate, elevare gli standard di salute e sicurezza sul lavoro e assicurare il diritto a retribuzioni dignitose e condizioni di impiego nettamente migliorative”.
“Al fine di sensibilizzare tutti gli stakeholder e l’opinione pubblica, le lavoratrici ed i lavoratori dei porti saranno impegnati in una settimana di mobilitazione, dal 17 al 23 giugno, laddove non si arrivasse ad una vera svolta della trattativa, a partire dall’incontro che si terrà il prossimo 6 giugno" conclude la Fit-Cisl.