Energia8 Gennaio 2024 15:20

Ue, Bruxelles approva una misura di aiuto di Stato tedesca da 902 mln di euro per sostenere Northvolt in costruzione impianto di produzione batterie

La Commissione Europea ha approvato unalamisura tedesca da 902 milioni di euro per sostenere Northvolt nella costruzione di un impianto per la produzione di batterie per veicoli elettrici per favorire la transizione verso un'economia net-zero, in linea con il Piano industriale Green Deal. L'aiuto è stato approvato nell'ambito del quadro temporaneo per la crisi e la transizione sugli aiuti di Stato , adottato dalla Commissione il 9 marzo 2023 e modificato il 20 novembre 2023, per sostenere misure in settori fondamentali per accelerare la transizione verde e ridurre la dipendenza dai combustibili.

La misura tedesca

La Germania ha notificato alla Commissione, nell'ambito del quadro temporaneo di crisi e transizione, una misura di 902 milioni di euro per sostenere Northvolt nella costruzione di un impianto di produzione di batterie avanzate per veicoli elettrici ad alta efficienza nella città di Heide. L'impianto avrà una capacità annua di 60 GWh. Ciò si traduce in da 800.000 a 1 milione di veicoli elettrici all’anno, a seconda delle dimensioni della batteria. L’impianto inizierà a produrre nel 2026 e raggiungerà la piena capacità produttiva nel 2029.

Secondo la misura, l’aiuto assumerà la forma di una sovvenzione diretta di 700 milioni di euro e di una garanzia di 202 milioni di euro . Senza l'aiuto, la Northvolt installerebbe lo stabilimento negli Stati Uniti, dove il sostegno è stato offerto in particolare nell'ambito dell'Inflation Reduction Act.

La Commissione ha ritenuto che la misura tedesca è in linea con l’articolo 107, paragrafo 3, lettera c), del TFUE e con le condizioni stabilite nel quadro temporaneo di crisi e transizione, in particolare la sezione 2.8, che consente agli Stati membri di sostenere investimenti accelerati in settori strategici per la transizione verso un’economia a zero emissioni nette.

Più nello specifico, la Commissione ha riscontrato che:

La misura riguarda la produzione di batterie, quindi è finalizzata ad un progetto di investimento di importanza strategica per la transizione verso un’economia net-zero. Inoltre il progetto viene realizzato a Heide, una città situata in una zona svantaggiata ai sensi della carta degli aiuti regionali tedesca. L'aiuto ha un effetto di incentivazione poiché senza l'aiuto l'impianto sarebbe stato stabilito al di fuori del SEE.
Il beneficiario si è posto l'obiettivo di costruire la batteria più rispettosa dell'ambiente al mondo, che produce emissioni di CO 2 significativamente inferiori rispetto ad altre aziende se misurate a livello di produzione, compreso il riciclaggio a fine vita. La riduzione dell’impronta di carbonio viene ottenuta in particolare utilizzando energia non fossile nella produzione e una progettazione circolare del processo produttivo, compreso il riciclaggio dei materiali delle celle della batteria.
La misura ha un impatto limitato sulla concorrenza e sugli scambi all’interno dell’UE. In particolare, è necessario e opportuno garantire la realizzazione dell'impianto di produzione di batterie e ciò non porterà a un eccesso di capacità sul mercato.
L’aiuto è proporzionato e limitato al minimo necessario per innescare l’investimento in Europa: non rende l’investimento in Germania più redditizio dell’investimento negli Stati Uniti. Inoltre, non supererà l'importo della sovvenzione che Northvolt potrebbe ricevere in modo dimostrabile per l'investimento equivalente negli Stati Uniti.
Infine, gli aiuti saranno concessi entro il 31 dicembre 2025.
Su questa base, la Commissione ha approvato la misura tedesca ai sensi delle norme UE sugli aiuti di Stato.