Politica8 Luglio 2024 15:06

Mar Mediterraneo, Pichetto: immensa risorsa ambientale e snodo per futuro energetico

Roma - Oggi ricorre la Giornata internazionale del Mar Mediterraneo: un’occasione per riflettere sul valore del “Mare Nostrum” e su quanto occorra fare per difenderlo dalla triplice crisi ambientale dovuta a cambiamento climatico, perdita di biodiversità e inquinamento.

“Il Mediterraneo - afferma il Ministro dell'Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto - è un’immensa risorsa ambientale e di crescita economica: tutte le scelte dell’Italia vanno nella direzione di difenderne le prerogative ecosistemiche e valorizzarne il ruolo di ponte tra Paesi, storie e culture”.

“In linea con gli obiettivi dell’accordo ‘30by30’ raggiunto a Montreal, riaffermato nel G7 – aggiunge il Ministro - l’Italia vuole investire sulla tutela del Mediterraneo, potendo già contare su una forte rete di aree protette e parchi sommersi, nonché sul prezioso Santuario dei Cetacei Pelagos”.

“Dal punto di vista energetico – aggiunge Pichetto – l’Italia vede nel Mare Nostrum uno snodo fondamentale per connettere le esigenze di sviluppo del Continente Africano con il percorso europeo di affermazione delle rinnovabili e di sviluppo di nuove tecnologie, come l’idrogeno”.

“Il modo migliore per affermare la centralità del Mar Mediterraneo – conclude Pichetto – è dunque portare avanti, nello spirito del Piano Mattei, un nuovo sviluppo sostenibile, che si costruisce con le grandi scelte globali, ma anche con i singoli comportamenti virtuosi”.