News22 Maggio 2024 15:55

Liguria, Salvini: costituita commissione ministeriale per autorità sistema portuale. Concluderà attività in 4 mesi

“Confermo che l’obiettivo prioritario del Mit è quello di garantire l’operatività del porto di Genova, come dei porti di tutta Italia, e di sbloccare progetti infrastrutturali e cantieri che in alcuni casi erano fermi da 30 anni. Oggi è stata costituita in seno al ministero una commissione ispettiva ministeriale presso l’autorità di sistema portuale del mar Ligure occidentale. L’attività della commissione, che rientra nell’ambito di vigilanza del Mit, riguarderà in particolare le procedure di rilascio degli atti di concessione demaniale da parte della suddetta autorità. La commissione è composta da rappresentanti apicali delle principali amministrazioni competenti in materia, in particolare della competente Direzione generale del ministero dei Trasporti, della Corte dei Conti e del Comando generale del corpo delle Capitanerie”. Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Matteo Salvini durante il question time alla Camera rispondendo a un’interrogazione sulla commissione ispettiva sull’autorità portuale di Genova e sul procedimento per la nomina di un nuovo presidente dell’autorità alla luce delle inchieste giudiziarie in corso.

“La commissione svolgerà audizioni del personale interessato e si avvarrà del supporto operativo del personale del ministero e di qualificati esperti di settore. La commissione concluderà la sua attività ispettiva entro quattro mesi, con una relazione che sarà trasmessa alle competenti strutture del ministero”, informa il ministro. “Sono certo che l’attività di tale commissione contribuirà a fare piena chiarezza in merito allo svolgimento delle procedure concessorie di competenza dell’autorità di sistema portuale che, ricordo, risalgono a ben prima del mio arrivo al ministero”.

“Le procedure di selezione del presidente dell’autorità”, continua Salvini, “rappresentano un’assoluta priorità per il ministero, e a tal fine confermo che sarà pubblicato a breve un interpello per la copertura delle posizioni di presidente in regime di commissariamento. Attualmente sono cinque le autorità, tra le quali quella del mar Ligure occidentale. All’esito di tale procedura sarà necessario valutare in base alle condizioni di operatività della giunta regionale ligure se vi sono soggetti legittimati a esprimere l’intesa per la nomina. In ogni caso la valutazione di opportunità induce ad auspicare che il presidente dell’autorità del sistema portuale sia nominato previa intesa con un rappresentante della Regione Liguria nel pieno esercizio delle proprie funzioni”.

“Genova è risorta e si è rialzata con grande volontà dopo una tragedia come quella del crollo del ponte Morandi. Genova e la Liguria in questi ultimi anni, a prescindere dai colori politici, hanno vissuto una crescita infrastrutturale fondamentale. Io mi impegno da ministro a garantire il massimo della trasparenza nel rispetto delle attività dell’autorità giudiziaria, che spero faccia in fretta a dare delle risposte. Ma venerdì sarò a Genova, anche se sarebbe stato più comodo fare finta di niente, perché Genova e la Liguria meritano tutte le infrastrutture su cui stiamo lavorando”.