Energia13 Giugno 2024 11:32

Isin, si è insediato il nuovo direttore Francesco Campanella

“ISIN indipendente ma sempre aperto al confronto, per garantire la sicurezza in materia nucleare a cittadini e lavoratori, ora e nel futuro”. Il direttore Francesco Campanella si è ufficialmente insediato alla guida dell’Ispettorato: “Affronto questa preziosa opportunità con emozione, consapevole del grande impegno e delle grandi responsabilità che mi attendono all’ISIN”.

“L’Ispettorato è l’Autorità competente in ambito nucleare, e deve certamente garantire il suo carattere di indipendenza e terzietà, senza però abdicare alla responsabilitá di un confronto aperto, costruttivo e sinergico con tutte le componenti che operano, o sono comunque coinvolte a vario titolo, nei temi della sicurezza nucleare e della radioprotezione, ovvero le Istituzioni Centrali, le Amministrazioni locali, i professionisti, gli esercenti, le Associazioni scientifiche e, ove opportuno e necessario, le comunità locali”.

Il Direttore – il cui mandato è settennale - ritiene determinante chiarire che all’ISIN non spettano ruoli decisionali nel merito della strategia che il Paese vorrá intraprendere in relazione al tema del “nucleare”, e che il suo obiettivo dovrà piuttosto essere quello di garantire comunque, tanto ai lavoratori quanto alla popolazione, l’adozione ed il rispetto di un sistema di regole di sicurezza conforme a standard riconosciuti a livello internazionale, e bene dimensionato rispetto alle necessità che dovessero configurarsi, nonché agli scenari di rischio ad esse associati.

“L’Ispettorato dovrà farsi trovare pronto per le eventuali nuove sfide in termini di sicurezza e radioprotezione che dovesse proporre il “nucleare di domani”, ma potrà farlo con successo solo dimostrandosi in grado di dominare il “nucleare di oggi”, ovvero consentire la fruizione in sicurezza, da parte dei cittadini, delle centinaia di installazioni che, quotidianamente, utilizzano sorgenti di radiazioni ionizzanti, in sanità, nell’industria, nella ricerca”.

Secondo il Direttore Campanella, “il ruolo dell’Ispettorato potrà risultare ulteriormente credibile se il medesimo verrà anche organizzato per rispondere con snellezza ed in modo pronto ad eventuali scenari di rischio emergenziali, ovvero meno prevedibili o comunque più difficilmente codificabili, e alle sollecitazioni che dovessero provenire dalle Amministrazioni centrali, dagli Organi periferici dello Stato e dagli Enti tecnici.

É quindi con grande impegno che ISIN guarda al proprio futuro, nella certezza di potersi rivelare sempre più un valore aggiunto per la sicurezza nucleare e la radioprotezione del nostro territorio, “continuando così al meglio – conclude Campanella - quel percorso efficacemente segnato da Maurizio Pernice, che ha diretto l’ente in questi anni, lasciando una eredità culturale ed organizzativa che dovrà essere ulteriormente valorizzata per rimanere al passo dei tempi e proiettarsi con credibilità verso le sfide che il Paese intenderà proporci”.