AI Intelligenza Artificiale8 Novembre 2023 15:45

Germania, al via piano d’azione sull’intelligenza artificiale per rilanciare investimenti e cooperazione europea

La Germania vuole promuovere lo sviluppo dell’intelligenza artificiale a livello nazionale ed europeo. È quanto prevede un nuovo piano d’azione sull’intelligenza artificiale presentato ieri dal Ministero federale dell’Istruzione e della ricerca, che mira a spingere l’Ue a eguagliare gli Stati Uniti già dominanti e la Cina.

Nel suo piano d’azione, il ministero ha delineato 12 aree di azione, compreso il rafforzamento dell’intera catena del valore dell’intelligenza artificiale a livello nazionale e comunitario, concentrandosi sul collegamento con l’istruzione, la scienza e la ricerca. Per implementare lo sviluppo dell’intelligenza artificiale, il ministero ha promesso un investimento di 1,6 miliardi di euro nell’intelligenza artificiale durante l’attuale mandato di governo.

Nello specifico, promuoverà 50 misure in corso incentrate su ricerca, competenze e sviluppo delle infrastrutture e le integrerà con altre 20 iniziative di intelligenza artificiale. “Se vogliamo tenere il passo con gli Stati Uniti e la Cina, possiamo farlo solo con i nostri partner europei. Se vogliamo tenere il passo con la concorrenza globale, per noi l’Europa è un fattore chiave. Ecco perché vogliamo migliorare in modo significativo la cooperazione europea nel campo dell’intelligenza artificiale e massimizzare l’impatto dell’Europa”, ha affermato il ministro della Ricerca Bettina Stark-Watzinger.

Per dimostrare che è seriamente intenzionato a promuovere la tecnologia a livello dell’UE, il ministero ha anche annunciato un seminario di alto livello sull’intelligenza artificiale a Bruxelles nel gennaio 2024 per rafforzare ulteriormente la cooperazione europea sull’intelligenza artificiale e “identificare modi e misure affinché l’Europa diventi leader nell’intelligenza artificiale”. ”.

Allo stesso tempo, Berlino ha sottolineato che il Piano d’azione sull’intelligenza artificiale è indipendente dall’AI Act, una legge fondamentale dell’UE per regolamentare l’intelligenza artificiale in base alla sua capacità di causare danni. La ministra federale della Ricerca Bettina Stark-Watzinger ha ripetutamente sottolineato che l’intelligenza artificiale ha bisogno di regole chiare e non di un’eccessiva regolamentazione.

La Francia, intanto, ospiterà il prossimo vertice sulla sicurezza dell’intelligenza artificiale a Parigi, secondo la decisione presa a margine del primo vertice in assoluto che si svolge attualmente a porte chiuse a Londra mercoledì e giovedì.