Energia5 Giugno 2024 14:56

Energia: Gnl, gas rinnovabili e idrogeno nel report annuale di Medreg

L'anno scorso è stato caratterizzato dagli sforzi per mitigare gli impatti della crisi energetica, attraverso iniziative volte a migliorare la resilienza delle reti e delle infrastrutture energetiche. Parallelamente, per rispondere all'impennata dei prezzi dell'energia, è stata rafforzato la fiducia dei consumatori proponendo le migliori pratiche in materia di norme di tutela dei consumatori e strategie di comunicazione. È quanto si legge nel Report Annuale 2023 di Medreg l’organo che riunisce i regolatori energetici del Mediterraneo.

Nel corso del 2023, anche i gas rinnovabili, in particolare l'idrogeno, sono stati al centro delle riflessioni e attività, mentre la decarbonizzazione è rimasta un obiettivo primario, con iniziative volte a migliorare l'efficienza energetica. Inoltre, la collaborazione con gli stakeholder regionali e l'impegno nello sviluppo di capacità tra i membri si sono rivelati mezzi efficaci per sfruttare conoscenze ed esperienze, creando un ambiente normativo per l'integrazione del mercato e la transizione energetica nel Mediterraneo.

“In risposta alle sfide senza precedenti che il settore dell'energia si trova ad affrontare, abbiamo dimostrato resilienza e adattabilità, dotando i nostri membri di strumenti normativi su misura per gestire la volatilità dei prezzi dell'energia”, ha commentato il presidente di Medreg, il marocchino Abdellatif Bardach. “Nonostante queste sfide, il nostro impegno per promuovere la decarbonizzazione resta costante. Per tutto il 2023, le nostre iniziative si sono concentrate strategicamente sul potenziamento della resilienza delle reti e delle infrastrutture energetiche per mitigare l'impatto della crisi energetica. Abbiamo guidato gli sforzi per l'ammodernamento della rete e l'introduzione di contatori intelligenti, integrati da misure normative innovative adottate dai nostri stimati membri, garantendo ai consumatori disagi minimi in un contesto di aumento dei costi energetici. Gli incontri di collaborazione con gli stakeholder regionali, tra cui i presidenti delle autorità di regolamentazione dell'energia, sono stati cruciali. Insieme, abbiamo forgiato un approccio proattivo per garantire la sicurezza degli approvvigionamenti, promuovendo strategie efficaci per mitigare le interruzioni e ridurre al minimo la volatilità dei prezzi. Ciò include la promozione della diversificazione delle fonti di gas, l'espansione delle infrastrutture e lo sviluppo delle capacità di GNL”.

Inoltre, ha proseguito il presidente dei Medreg, “stiamo esplorando attivamente opzioni alternative come i gas rinnovabili, tra cui il biogas e l'idrogeno verde, immaginando la regione mediterranea come un vivace polo commerciale dell'energia. Riconoscendo il potenziale dell'idrogeno verde nel rafforzare la sicurezza energetica e nell'accelerare la transizione energetica, abbiamo istituito una task force dedicata per analizzare le strategie, i fattori trainanti e le barriere che ne influenzano lo sviluppo nella nostra regione, e definire il ruolo del regolatore nello sviluppo proattivo di questa tecnologia. La decarbonizzazione rimane un obiettivo primario, con iniziative volte a migliorare l'efficienza energetica di edifici, elettrodomestici e sistemi elettrici. Traendo spunto dalle pratiche di successo dei nostri membri, continuiamo a fornire ai responsabili politici e agli stakeholder raccomandazioni attuabili per far progredire le pratiche energetiche sostenibili”.

“In prospettiva, Medreg rimane impegnato a promuovere la riforma del mercato energetico, lo sviluppo delle infrastrutture, l'integrazione delle energie rinnovabili e la tutela dei consumatori. Con un ambizioso piano di lavoro, puntiamo a sfruttare le conoscenze e l'esperienza per tracciare un percorso verso un mercato energetico sostenibile, sicuro e fiorente nel Mediterraneo. Insieme, continuiamo il nostro viaggio verso un futuro energetico più luminoso e sostenibile per tutti”, ha concluso Bardach.

IL REPORT 2023 AR-2023-def