Sostenibilità6 Giugno 2024 11:10

Biodiversità: Ad “Asfaltart” i Carabinieri Forestali sensibilizzano sui temi della difesa ambientale

In occasione della XVIII edizione di “Asfaltart”, Festival d’arte di strada che si terrà a Merano dal 7 al 9 giugno 2024, sarà presente il Comando Unità Forestali, Ambientali ed Agroalimentari dell’Arma dei Carabinieri (CUFA) che, attraverso il Raggruppamento Carabinieri Biodiversità, promuove la tutela della diversità biologica con l’allestimento di stand dedicati. L’iniziativa si inserisce nell’ambito dell’accordo di collaborazione tra il CUFA e il Corpo Forestale della Provincia Autonoma di Bolzano firmato il 5 aprile scorso. L’accordo tra Servizio Forestale Provinciale e Arma dei Carabinieri testimonia l'impegno delle istituzioni nell'ottica di una maggiore sinergia e cooperazione per la tutela dell'ambiente e la conservazione del patrimonio naturale dell'Alto Adige in un’ottica di reciprocità dove l’autorità nazionale mette a disposizione le proprie ampie banche dati e risorse, mentre quella locale fornisce la propria esperienza in un’area montana con diffuse zone boschive, allo scopo di fornire aiuto reciproco. Asfaltart, che per tre giorni prevede più di 200 spettacoli, tra concerti, performance circensi, walking act ed esibizioni di clownerie, trascinerà i visitatori nella magia dell’arte di strada dove troveranno anche i Carabinieri forestali. I cosiddetti villaggi della biodiversità sono presenti in svariate iniziative in tutta Italia, dallo sport alla cultura, dall’arte all’intrattenimento, con l’obiettivo di promuovere la cultura della legalità e della sostenibilità, attraverso un percorso virtuale che porta alla scoperta degli habitat naturali del nostro Paese, evidenziando l’importanza della conservazione del patrimonio genetico forestale e delle funzioni ecosistemiche degli alberi, nonché della biocomplessità animale e vegetale. 

 

Lo scopo dell’attività divulgativa, che sarà testimoniata anche dalla presenza del Generale C.A. Andrea Rispoli, Comandante del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri, è quella di accrescere la consapevolezza della necessità di un approccio olistico e informato alle componenti ambientali, nella prospettiva di una imprescindibile simbiosi tra l’uomo e la natura.   L’innovazione tecnologica nei servizi e nelle infrastrutture di trasporto: accordo tra Politecnico di Torino e Autorità di regolazione dei trasporti Le due istituzioni si impegnano a collaborare in attività di ricerca e formazione per diffondere una cultura avanzata nel settore della regolazione dei trasporti e a sostenere lo sviluppo innovativo dei servizi e delle infrastrutture di mobilità Torino, 5 giugno 2024 Il Politecnico di Torino e l’Autorità di regolazione dei trasporti hanno siglato un accordo di collaborazione per svolgere attività e progetti di studio, ricerca e formazione, con interesse condiviso nell’ambito dell’innovazione tecnologica e delle conseguenti evoluzioni nei singoli segmenti del trasporto. Al centro della rinnovata sinergia, la diffusione di una cultura avanzata delle discipline afferenti alla regolazione dei trasporti, con l’intento di stimolare lo sviluppo delle competenze, gli approfondimenti e le attività di ricerca su tematiche di attuale interesse nei diversi ambiti di trasporto. 

 

A tale scopo, l’accordo promuove iniziative rivolte sia agli studenti – attraverso moduli dedicati all’interno dei corsi di studio, programmi formativi post laurea e tirocini curriculari – sia indirizzate alla comunità accademica – tramite la promozione di convegni, tavole rotonde e seminari tra esperti del settore. L’accordo, della durata di tre anni, impegna le due istituzioni a cooperare in programmi di ricerca per sperimentare modelli di mobilità all’avanguardia, che rispettino le condizioni minime di qualità dei servizi di trasporto e il contenuto minimo dei diritti che gli utenti possono esigere nei confronti dei gestori dei servizi e delle infrastrutture di trasporto. Condivisione degli spazi, accesso alle rispettive banche dati e partecipazione dei propri esperti alle iniziative in programma: sono questi alcuni dei punti su cui convergono le aspettative dei due committenti, impegnati nel trasmettere alle giovani generazioni di lavoratori competenze specifiche relative al settore dei trasporti. Un impegno che guarda alle prossime sfide globali, dalla lotta al cambiamento climatico, alla gestione etica delle nuove tecnologie, con attenzione costante alla salvaguardia dei diritti dei cittadini.