News12 Giugno 2024 14:32

Ambiente: Haiki+ inaugura nuovo impianto gestione rifiuti industriali da 5mln a Lazzate (Mb)

Haiki Recycling S.r.l., parte di Haiki+ S.r.l. e subholding di Innovatec S.p.a., ha inaugurato oggi un nuovo impianto di gestione rifiuti nel Comune di Lazzate (MB).

L'investimento ammonta a circa 5 milioni di euro e permetterà di dare lavoro a circa 40 famiglie, oltre a creare un significativo indotto sul territorio, contribuendo così allo sviluppo economico locale.

"L'apertura di questo impianto rappresenta un passo importante verso la nostra missione di promuovere l'economia circolare - ha commentato Flavio Raimondo, Amministratore Delegato di Haiki+ -. "Siamo orgogliosi di contribuire alla riduzione dei rifiuti destinati alle discariche e di creare nuovi posti di lavoro nella comunità locale."

La gestione dei rifiuti rappresenta una sfida importante per un futuro sostenibile, del mondo e anche delle nostre comunità - ha affermato il Sindaco di Lazzate, Andrea Monti -. Oggi parte una attività importante, anche per lo sviluppo economico del nostro territorio, su un’area che da anni era abbandonata e che può così assecondare la destinazione per cui era stata individuata. Ognuno deve fare la propria parte, uniti per raggiungere l’ambizioso obiettivo di una gestione del ciclo dei rifiuti che sia sostenibile, sicura, a basso impatto e tecnologicamente avanzata”.

Il nuovo impianto è progettato per trattare fino a 50.000 tonnellate all'anno di rifiuti non pericolosi. Dotato di tecnologie di ultima generazione, l'impianto è in grado di massimizzare il recupero delle componenti valorizzabili presenti nei rifiuti, come carta, cartone, plastica e legno, contribuendo significativamente alla riduzione del ricorso alle discariche in un’ottica di economia circolare.

"Questo impianto è un esempio perfetto di come innovazione e sostenibilità ambientale vadano di pari passo - ha dichiarato il Presidente di Haiki+, Nicola Colucci -. Grazie a questo investimento, possiamo migliorare significativamente la nostra gestione dei rifiuti e contribuire a un futuro più sostenibile per tutti."

La gestione dei rifiuti non pericolosi è una questione cruciale per le politiche ambientali. I rifiuti speciali complessivamente gestiti in Italia sono pari a circa 164,9 milioni di tonnellate*, di cui circa 154,3 milioni di tonnellate (93,5% del totale gestito) sono rifiuti non pericolosi e i restanti sono pericolosi. Una gestione efficiente di questi rifiuti è essenziale per ridurre l'impatto ambientale e promuovere l'economia circolare.

Le attività di lavorazione presso l'impianto comprendono la selezione, la cernita altamente automatizzata, la triturazione e la pressatura meccanica dei rifiuti. Questi processi permettono il recupero delle frazioni merceologiche riciclabili come materie prime (carta, ferro, plastica, legno, cartone, ecc.) e la triturazione dei rifiuti non valorizzabili per successivo invio a recupero energetico. Per ottimizzare gli stoccaggi e la valorizzazione dei materiali inviati a successivo recupero, i rifiuti vengono pressati.

 

I macchinari utilizzati includono:

una pressa orizzontale per l’imballaggio dei rifiuti, con una capacità produttiva di 40 tonnellate all'ora; un trituratore per la riduzione volumetrica dei diversi flussi di materiali, con una capacità produttiva di 50 tonnellate all'ora; una cabina di cernita per la precisa separazione delle componenti valorizzabili dai rifiuti, quali carta, cartone, legno e plastica.

A supporto delle attività principali, Haiki Recycling dispone anche di ragni mobili, carrelli elevatori e una flotta di mezzi e autisti per i servizi di ritiro sul territorio. Inoltre, l’impianto è completato da aree di ricezione, stoccaggio finale e da tutte le dotazioni impiantistiche a corredo, quali sistemi antincendio, raccolta reflui, pesatura, uffici e officina.

Haiki Recycling fornisce anche servizi di installazione e noleggio contenitori per rifiuti (scarrabili o fissi) e il prelievo con relativo trasporto dei rifiuti presso gli impianti autorizzati, inclusa l'intermediazione. Queste attività possono essere svolte anche mediante l'utilizzo di risorse in outsourcing, principalmente utilizzate per l’attività di cernita o trasporto.

Il capannone che ospita le attività produttive è equipaggiato con un sistema dedicato di aspirazione e abbattimento delle polveri, oltre a un avanzato sistema antincendio, garantendo così elevati standard di sicurezza e rispetto dell’ambiente.